XIV Workshop - Fini della ricerca e ricerca del fine. Riflessioni interdisciplinari sulla libertà

27-28 maggio 2023
Bonus Pastor, Via Aurelia 208, Roma

La libertà è una delle caratteristiche distintive dell'essere umano, della persona. Essa accompagna la vita umana ad ogni livello: dalle scelte quotidiane alle decisioni di lungo termine. Si colloca alla base delle aspirazioni umane: quelle mete e quei fini che ogni individuo elabora, ai quali assente, e per i quali si impegna. La libertà, in tal modo, plasma la vita delle persone a tutto tondo. Caratterizza anche la storia dei popoli, e dell'umanità nel suo insieme. Quanti snodi storici sono stati animati dall'esercizio della libertà, dal desiderio di affermare la propria, o di imporla su quella di altri popoli. Rappresentando un elemento essenziale della costituzione dell'individuo nella sua soggettività, la libertà è anche al centro della dimensione sociale e comunitaria. Ben oltre il noto adagio secondo cui "la mia libertà finisce dove inizia la tua", l'esercizio della libertà personale è inevitabilmente influenzato dal contesto sociale, tanto a livello degli spunti che esso offre (o manca di offrire) all'elaborazione dei propri fini e delle mete ambite, quanto a livello delle condizioni reali che la società assciura (o meno) al perseguimento delle proprie aspirazioni esistenziali, personali, professionali, sociali, etc. 

Di conseguenza, non stupisce che la libertà sia un tema centrale per l'arte, dalla poesia e la letteratura, alle arti figurative, alla musica, al teatro e al cinema. Stupisce ancor meno che essa sia oggetto (o, soggetto) di ricerca per molte discipline. La filosofia se ne occupa da millenni. La teologia ne fa non soltanto una caratteristica essenziale e inviolabile della persona umana, ma anche un attributo divino. Le neuroscienze ne indagano i substrati neurali da alcuni decenni. La psicologia se ne occupa dai suoi esordi. La sociologia la tematizza nel cercare di comprendere le dinamiche interne ai gruppi umani, e quelle tra comunità diverse. L'economia assume che l'agente economico sia libero nelle sue scelte. Il diritto se ne occupa  sia nel voler regolare la liberta individuale di fronte a quella degli altri e delle istituzioni, sia nel sancire le responsabilità delle azioni che proprio in quanto (o nelle misura in cui) sono libere e consapevoli possono essere responsabili. Persino la biologia e la fisica, talvolta, offrono spunti per una migliore comprensione della libertà sulla sfondo delle caratteristiche della  natura animata e inanimata.

Proprio da questa angolatura interdisciplinare, il XIV Workshop della Scuola Internazionale Superiore per la Ricerca Interdisciplinare (SISRI) intende approfondire il tema della libertà. L'accento sarà posto sulla libertà della ricerca scientifica e, in particolare, su come essa si interfacci con la libertà nelle sue molteplici declinazioni umane e su come la ricerca libera possa contribuire al perseguimento dei fini propriamente umani, tanto personali quanto comunitari. Da qui, il titolo dell'evento: Fini della ricerca e ricerca del fine. Riflessioni interdisciplinari sulla libertà. Alcuni dei temi di pertinenza del Workshop sono esplicitati nell'Allegato, scaricabile qui.

Il Workshop si aprirà alle ore 10:00 di sabato 27 maggio 2023 con una Lectio del prof. Stefano Oliva (Associato di Estetica all'Università Niccolò Cusano) che introdurrà i lavori. Il pomeriggio dello stesso giorno, alle ore 18:00, la prof.ssa Elena Colombetti (Straordinaria di Etica Applicata alla Pontificia Università della Santa Croce) terrà una conferenza pubblica su un argomento collegato al tema generale del Workshop. 

La SISRI lancia, per il suo XIV Workshop, una Call for Papers, alla quale chiunque desiderasse proporre un talk può rispondere secondo quanto specificato nella Call stessa. Il temine ultimo per proporre un abstract per una comunicazione è il 2 maggio 2023. Gli abstract pervenuti saranno valutati sulla base dell'aderenza al tema e del valore scientifico interdisciplinare; i proponenti riceveranno notifica sul processo di selezione entro e non oltre il 12 maggio 2023. Scarica qui la Call for Papers.

La SISRI bandisce anche un Concorso per l'assegnazione del DISF Award, del valore di 1.000 euro, per il miglior elaborato sottomesso a concorso. Il Concorso è riservato agli iscritti alla SISRI. Il candidato dovrà sottomettere una elaborato scritto entro e non oltre la mezzanotte di lunedì 17 aprile 2023, seguendo le istruzioni contenute nel Bando di Concorso, disponibile qui.

Le iscrizioni al Workshop sono già aperte. Per iscriversi è necessario compilare il modulo di iscrizione online, che riporta anche i costi per la partecipazione, per i pasti, per l'eventuale alloggio, e le condizioni per ricevere un Bonus Viaggio per coloro che provengono da fuori Roma. La scedenza per iscriversi e richiedere l'alloggio presso la sede dell'evento è fissata al 2 maggio 2023.


Il modulo di iscrizione al Workshop   

Scarica la Call for Papers

Scarica il Bando di Concorso per il DISF Award

L'allegato al Workshop